ItalianLifestyleReportagesSportTravelWorld

Con i temerari del surf sulle onde della Baviera!

Nonostante sia ottobre inoltrato c’è il sole, il cielo è completamente sereno e l’aria gradevole. Kristine e Hans si sono svegliati da poco. Il bollitore elettrico gorgoglia e li avverte che l’acqua per il caffè è pronta. Il telefono di Hans squilla e qualcuno lo informa sull’intensità dell’onda. Hans saluta la persona dall’altra parte e chiude il telefono. “Oggi è perfetta!” Esclama. I due si scambiano uno sguardo d’intesa. Kristine, ancora assonnata, sta già indossando la sua muta da surf. Il neoprene di colore nero aderisce perfettamente al suo corpo. Hans fa lo stesso. Bevono rapidamente il caffè per riscaldarsi. Sanno bene che nonostante la bella giornata l’acqua sarà gelida. Le tavole da surf sono pronte e attendono vicino alla porta. Gli basterà attraversare la strada per unirsi al resto della tribù che li sta aspettando, ragazze e ragazze intenti a parlare e studiare la corrente. Sono tutti pronti per un’altra giornata di river surfing indimenticabile nel river surf hotspot tra i migliori d’Europa:

l’ “Eisbach” di Monaco di Baviera!

No, non abbiamo bevuto troppa birra bavarese e adesso stiamo delirando, anche se quando li abbiamo visti per la prima volta, qualche dubbio sul nostro stato di sobrietà in effetti lo abbiamo avuto.

Ebbene sì: Monaco di Baviera non è solo Oktoberfest, calcio, kitsch in perfetto stile bavarese e musei, ma anche Surf! In questa città, infatti, finanche nei mesi più freddi, quando l’onda artificiale dell’ Eisbach raggiunge poco più di un metro di altezza e la corrente fredda imperversa nei 10 metri di larghezza del fiume la cui temperatura supera raramente gli 11 gradi (Eisbach vuol dire: fiume ghiacciato), un manipolo di ragazzi e ragazze si sfidano a chi tenta la manovra più spericolata in equilibrio sulle leggi della fisica, a pochi metri dal Bavarian National Museum e la Haus der Kunst.

A guardarli verrebbe spontaneo dire che sono dei pazzi, anche perché a complicare la cosa ci si mettono, oltre all’acqua gelida e la corrente violenta, anche le rocce e le sponde accidentate di questo fiume cittadino. Ma se sono pazzi, allora sono pazzi molto esperti e conoscitori profondi di questo sport estremo che dona sensazioni forti e scariche intense di adrenalina!

 

Tags
Show More

Related Articles

Check Also

Close
Close
Close