ArtEventsItalian

“Cosmic hug – 4aWoman” I progetti umanitari per il Madagascar della Fondazione Akbaraly per la prima volta a Milano

PINACOTECA AMBROSIANA MILANO

28 OTTOBRE 2015 – ORE 19.30

 

Cinzia Catalfamo Akbaraly ed Enrico Magnani con tessera centrale Cosmic Hug La sera del 28 ottobre 2015, dalle ore 19.30, si terrà presso la Pinacoteca Ambrosiana di Milano il primo evento italiano di raccolta fondi per progetti umanitari in Madagascar curati dalla Fondazione Akbaraly. Durante la serata, condotta da Alessandro Cecchi Paone, sarà possibile ammirare per la prima ed ultima volta nella sua interezza l’opera “Cosmic Hug – 4aWoman”, realizzata per la Fondazione Akbaraly dall’artista Enrico Magnani, e sarà possibile acquistare a scopo benefico una o più delle 49 tessere dipinte a mano del “grande mosaico” Cosmic Hug. L’evento milanese, ideato da Enrico Magnani e da Cinzia Catalfamo Akbaraly, Fondatrice e Presidente dell’omonima Fondazione, nonché Rappresentante del Governo d’Italia in Madagascar, si svolgerà alla presenza di illustri ospiti in una serata di gala accompagnata da un concerto eseguito dall’Orchestra dei Popoli e da una cena a tema curata dallo chef Paolo Amadori.

L’EVENTO | GALA CHARITY – PINACOTECA AMBROSIANA MILANO – 28 OTTOBRE 2015

 La nostra bella città é stata la protagonista mondiale del 2015, grazie ad EXPO. Si è affollata, si è imbellita, si é internazionalizzata. “Cosmic Hug”, nell’idea di “food for the soul” rientra in questo movimento Milanese per apportare del suo all’evento Expo. La Pinacoteca Ambrosiana, nelle sua intera bellezza, sarà il quadro ideale per una serata di gala, condotta da Alessandro Cecchi Paone, a cui parteciperanno un centinaio di personalità del mondo del business, intellettuale, dell’arte, della sanità, tra cui uno dei principali amici e sostenitori delle attività di “4aWoman”, il Prof. Umberto Veronesi. Il cocktail “dinatoire” di altissimo livello offrirà l’occasione per scambiare idee tra gli invitati, la musica classica dal vivo allieterà la serata. Ovviamente, l’opera “Cosmic Hug”, nella sua grandezza, immersa in tutto il suo profondo significato trascendentale e materiale, farà da filo conduttore per una serata molto speciale, al servizio di chi soffre maggiormente in questo mondo. In questa occasione sarà tolto il velo che fino ad allora avrà ricoperto di mistero l’opera. La sua natura effimera renderà questo evento unico e irripetibile. Solo i presenti potranno vedere l’opera dal vivo per la prima ed ultima volta nella sua interezza e acquisire per primi una o più tessere del grande mosaico, contribuendo così allo sviluppo del progetto Cosmic Hug e in particolar modo alla causa umanitaria della Fondazione Akbaraly e del suo progetto “4aWoman” a sostegno delle donne e dei bambini dell’Africa.

LA FONDAZIONE AKBARALY – PROGETTO 4aWOMAN

 Il “Cosmic Hug”, l’abbraccio cosmico, la Fondazione Akbaraly lo realizza sul terreno, giorno dopo giorno, in Africa, in particolare in Madagascar, abbracciando centinaia di donne, di bambini e di uomini in difficoltà. In uno dei paesi più poveri del mondo, in uno dei continenti più in difficoltà del nostro pianeta, la Fondazione dedica da decenni le proprie energie per migliorare l’educazione dei bambini e la sanità delle famiglie, attraverso progetti integrati e olistici, cercando di cambiare il loro presente ed il loro futuro. Il progetto “4aWOMAN” é particolarmente focalizzato alla sanità di donne e bambini, alla salute materno-infantile, oltre che alla cura ed alla prevenzione dei tumori femminili, seno e utero, che in Africa sono probabilmente la prima causa di morte. Il ricavato della serata andrà a beneficio di un nuovo centro per le donne e i bambini nella Capitale del Madagascar, Antananarivo. Lavorando per migliorare le condizioni di vita nel paese di origine, la Fondazione opera verso la diminuzione della povertà delle popolazioni africane per evitare il disastro umano dell’esodo verso l’Occidente. Nel “Cosmic Hug” non esistono differenze di razza, cultura, spazi geografici o temporali: l’abbraccio é universale, come il suono primordiale dell’OM che ha riempito gli spazi di tutti gli spazi ed i tempi di tutti i tempi. Nelle sue immense e luminose braccia trovano conforto gli esseri che amano dare perché sanno che donando ricevono ancora di più; e quelli che hanno bisogno di ricevere, perché in ogni caso danno sempre qualcosa in cambio. E’ un cerchio che si chiude con una sola possibile parola: AMORE.

(Cinzia Catalfamo Akbaraly,

Presidente Fondazione Akbaraly, Console Generale Onorario d’Italia in Madagascar)

IL PROGETTO | COSMIC HUG PROJECT

 Cosmic Hug è un progetto artistico originale di Enrico Magnani che è iniziato a Praga nell’aprile del 2013; oggi è diventato un progetto a lungo termine per essere presentato in diverse città del mondo a scopo benefico. Ogni anno, il progetto Cosmic Hug affianca e sostiene una nuova causa umanitaria creando attorno all’opera-mosaico, dipinta espressamente, un grande evento per dare visibilità, popolarità e per raccogliere fondi per la causa stessa. Ogni anno l’artista crea una nuova opera suddivisa in tante tessere come un grande mosaico. Le tessere sono poi acquisite dai collezionisti e portate con sé in varie parti del mondo. Il mosaico si frammenta e si distribuisce, ma il legame ideale di appartenenza alla stessa opera rimane ed unisce le persone. Tante tessere e tanti proprietari tra cui l’artista stesso; ogni opera diventa così il simbolo di un connubio ideale tra esseri umani, tutti uniti a sostegno di una nobile causa che va al di là dello spazio e del tempo.

L’OPERA | COSMIC HUG No. 3 – 4aWOMAN

 Una gigantesca esplosione irrompe nel buio e nel silenzio dell’eternità. Il suono primordiale che ha datoTESSERA CENTRALE COSMIC HUG No.3 origine alla creazione, l’OM, da allora si espande generando l’universo. Sono queste premesse dalle quali ho creato il Cosmic Hug No. 3, edizione 2015, per l’associazione umanitaria 4aWoman. Un grande Big Bang, raccolto su quarantanove tessere disposte a matrice di sette per sette, ha origine dalla tessera centrale che contiene nel suo centro l’antico simbolo OM in oro a 24 carati. Tutte le altre tessere contengono, incastonata e quasi invisibile, la forma dell’OM. Ogni tessera è così simile al padre, fatta a sua immagine e somiglianza e al tempo stesso unica e irripetibile, come tutti gli esseri umani. Nel buio cosmico, sette raggi dorati prendono origine dal centro: sono i sette raggi della creazione che attraverso ulteriori differenziazioni, producono l´immensa molteplicità, la meravigliosa ricchezza e varietà della vita manifestata nei mondi visibili e invisibili. Il numero 7, il più sacro in tutte le tradizioni, si ritrova anche nei sette colori dell’iride che ogni tessera contiene, in analogia con le sette note musicali, i sette chakra e i sette cieli. Il Cosmic Hug No. 3 è così un potente riassunto della creazione e del fatto che tutto è in tutto. L’OM è anche e soprattutto il suono che tutto cura e che rimette l’uomo in equilibrio con il cosmo. L’opera diviene così, in questa edizione in particolare, un grande talismano i cui frammenti si fanno idealmente ambasciatori dell’armonia universale e concretamente sostenitori della causa umanitaria dell’associazione 4aWoman. (Enrico Magnani)

FOOD TO CONNECT ART AND PEOPLE

 Cibo come sinonimo di divisione e condivisione: poiché al desco, più nobile o meno pretenzioso, tutti si ritrovano per dividere e condividere cibo e attimi di vita quotidiana. Cibo come nutrimento di tutto cio che ci fa stare bene: il cibo nutre pance, corpi e anime. A volte per fame, a volte per piacere e altre per concetto. Il cibo ha il potere di soddisfare tutti i sensi del corpo e, per chi ne ha la capacità,  prima sfiora poi pervade il sesto senso: cibo come l’arte più astratta ed effimera poiché consumabile e mai più ripetibile tale e quale. Cibo come alimento che si trasforma in elemento: matericità di prodotti o materie prime che necessitano di essere lavorate con rispetto. Cucina come concetto rivitalizzante di un prodotto pronto a deperire. Cucina buona e fatta bene, per sottolineare qualità e valore degli elementi che la compongono: i cibi. Cucina fatta ad arte per uomini che mangiano cibo: food to connect art and people. (Paolo Amadori, Chef)

MUSIC TO CONNECT ART AND PEOPLE

L’ Orchestra dei Popoli Vittorio Baldoni è un progetto musicale e culturale promosso dalla Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti Onlus. Un organico di 25 elementi, 11 nazionalità coinvolte, in costante crescita, composto da ragazzi e adulti di diverse etnie, culture, fedi, generazioni – dotati di grande talento per la musica e che spesso provengono da situazioni di grave disagio economico e sociale – che suonano insieme agli studenti dei Conservatori lombardi e di altre scuole a indirizzo musicale.

 https://www.facebook.com/cosmic.hug.project

 http://www.enricomagnani-art.com/cosmic-hug-project-3-4awoman-ita.php

 http://www.enricomagnani-art.com/cosmic-hug-project.php

Show More

Related Articles

Close
Close